Pantelleria, auto finisce in mare Agricoltore muore annegato

A lanciare l’allarme erano stati i familiari, l’uomo la sera prima non era rincasato. Disposta l’autopsia

PANTELLERIA. Un uomo è morto dopo essere caduto in mare con la macchina al porto nuovo di Pantelleria. Si chiamava Gandolfo Valenza aveva 59 anni e faceva l’agricoltore. Viaggiava a bordo di una Panda vecchio modello di colore grigio targata CG787XT.
La famiglia aveva segnalato ai carabinieri la scomparsa dell'uomo ieri mattina dopo averlo aspettato inutilmente tutta la notte. Gandolfo era uscito nel pomeriggio e non aveva più fatto rientro a casa. «Era stato nel mio cantiere navale — racconta Giovanni Esposito —. Era arrivato verso le sei del pomeriggio e si era fermato a parlare con mio figlio Giuseppe. Il fatto deve essere successo verso le 19, quando è andato via. Ha detto a mio figlio che andava in campagna a Buccuram a dare da mangiare ai maiali».
Ieri mattina, dopo avere avvertito i carabinieri la famiglia, insieme ad alcuni amici si sono messi alla ricerca di Gandolfo. Sapevano che teneva la barca al porto nuovo e per questo hanno ispezionato da terra le acque del piccolo bacino. Hanno così potuto vedere la Panda che stava sottacqua a circa tre metri di profondità.
Sono arrivati i carabinieri e gli uomini della Guardia Costiera che insieme ai vigili del fuoco e a dei sub volontari, Antonello D'Aietti, Battista Mannone e Eduardo Famularo, hanno imbracato la macchina turandola l'hanno tirata sul molo. All'interno c'era il povero Gandolfo. Si è visto morire e per questo ha tentato di uscire sfondando il parabrezza anteriore con i piedi, ma le forze sono improvvisamente terminate e l'uomo è annegato.
Una disgrazia, quindi, anche se sarà probabilmente l'autopsia a certificare la causa del decesso. Due sono le ipotesi che vengono prese per ora in considerazione: la macchina è caduta in acqua o andando all'indietro nel tentativo di girare o l'uomo si è avvicinato troppo ai bordi della banchina cadendo in acqua. Tutto questo perché la macchina era in acqua capovolta, addossata al muro della banchina.
È escluso, quindi, che sia caduta andando in avanti. Pioveva a quell'ora e la visibilità era ridotta. Non è, comunque, da scartare l'ipotesi che l'uomo possa essere andato veramente a dare da mangiare ai maiali e poi sia ritornato al porto per dare un'occhiata alla barca visto che pioveva e poteva riempirsi d'acqua.
«Forse si è sentito male - dice Davide, suo datore di lavoro in campagna -. È una cosa incredibile, non capisco come sia successo perché conosceva bene il posto ed era un grande nuotatore. Nel tardo pomeriggio mi ha chiamato dicendo che andava a vedere al porto la barca». Il corpo dell'uomo è stato trasportato nel cimitero della Contrada Kamma in attesa delle disposizioni del magistrato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X