Fu arrestato dopo aver salvato dei migranti: assolto dall'accusa di favoreggiamento

Tarek Beniatou, 58 anni, imprenditore franco-tunisino venne fermato a Pantelleria nel maggio 2011 dopo lo sbarco di dieci persone. Per i giudici "il fatto non costituisce reato"
Trapani, Archivio

MARSALA. Il Tribunale di Marsala ha assolto dall'accusa di favoreggiamento di immigrazione clandestina un imprenditore di Parigi, il franco-tunisino Tarek Beniatou, 58 anni, che il 6 maggio 2011 era stato arrestato, al largo di Pantelleria, dopo avere sbarcato nel porto di Scauri dieci migranti. Per i giudici "il fatto non costituisce reato".

L'imprenditore, che con il suo gommone, salpato da Hammamet (Tunisia), era diretto a Marsala, aveva spiegato agli inquirenti di non non essere uno scafista. "Ho solo salvato quei disperati che rischiavano di morire". L'imprenditore dopo avere tratto in salvo i migranti, avvisò le autorità italiane che stava approdando a Pantelleria. Beniatou, un piccolo imprenditore emigrato da giovane in Francia dalla Tunisia, era stato scarcerato nel luglio 2011.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X