Mafia, revocato il 41 bis al boss Calabrò

Lo rende noto il suo difensore, l'avvocato Nicolò Gervasi che ha presentato l'istanza. Calabrò è implicato nelle stragi di Roma, Milano e Firenze del 93, nel fallito attentato all'Olimpico di Roma, negli omicidi di Antonella Bonomo (la compagna del boss di Alcamo Vincenzo Milazzo), nel delitto del capitano di lungo corso Paolo Ficalora
Trapani, Archivio

TRAPANI.  Il Tribunale di sorveglianza di Roma ha revocato il regime di 41 bis per il boss mafioso di Castellammare del Golfo Gioacchino Calabrò, condannato, in via definitiva, a più ergastoli e in regime di carcere duro da 19 anni. Lo rende noto il suo difensore, l'avvocato Nicolò Gervasi che ha presentato l'istanza.  Calabrò è implicato nelle stragi di Roma, Milano e Firenze del 93, nel fallito attentato all'Olimpico di Roma, negli omicidi di Antonella Bonomo (la compagna del boss di Alcamo Vincenzo Milazzo), nel delitto del capitano di lungo corso Paolo Ficalora; il suo nome compare anche nelle indagini per la strage di Pizzolungo del 1985. Il boss, dopo la revoca del provvedimento, è stato trasferito da Rebibbia alle carceri di Biella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X