Atm, multa di 20 euro per chi non timbra il cartellino

TRAPANI. «Turni di lavoro assurdi, anche di due sole ore, detrazione di 20 euro dalla busta paga ogni qualvolta il lavoratore dimentica di timbrare il cartellino, anche se è presente in servizio, carichi di lavoro non proporzionati». È questa la prima rimostranza nei confronti dell’Atm, (l’azienda dei trasporti urbani) da parte del sindacato autonomo Usae, all’indomani dell’elezione dei nuovi organismi provinciali ed aziendali, sindacato che da oggi è presente anche in seno all’Azienda dei trasporti urbani. Per tali motivi la confederazione sindacale diretta da Rosaria Catalano ha avviato verso l’Azienda la cosiddetta procedura di raffreddamento, vale a dire la procedura che prevede la richiesta di una convocazione delle parti sociali da parte dell’amministrazione per dirimere la questione, e che serve come prima mossa ad evitare subito un contenzioso.
Il peso maggiore viene dato dal sindacato alla detrazione di 20 euro dalla busta - paga in caso di mancata timbratura del cartellino, pur essendo presenti in servizio, ed infatti al riguardo l’Usae fa osservare che l’Azienda dei trasporti è dotata da tempo di strumenti di controllo elettronico e di satellitare che servono - secondo quanto sostiene lo stesso sindacato - a verificare la presenza del mezzo assegnato all’unità operativa che non ha timbrato ed alla presenza effettiva o meno del lavoratore in servizio.
Su tutte queste problematiche la scorsa settimana avrebbe dovuto tenersi un’assemblea dei rappresentanti sindacali, ma è sfumata.

AN.DO.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X