Il Comune vende 88 alloggi popolari per fare cassa

Gli assegnatari oltre al diritto di prelazione sull’acquisto degli alloggi possono usufruire della riduzione del 25% sul valore del cespite. Le istanze di acquisto entro giorno 15
Trapani, Archivio

TRAPANI. Il Comune mette in vendita altri alloggi di edilizia residenziale pubblica. Si tratta, nello specifico, di ottantotto fabbricati che il Comune ha acquisito, nel corso degli anni, e che sono ubicati in via Mannina, via Marino Torre, via Eurialo e via Michele Amari. l’intenzione dell’amministrazione è quella di vendere gli immobili agli assegnatasi dando la possibilità, in base alle normative vigenti in materia, agli aventi diritto di poter acquistare gli alloggi usufruendo della riduzione del 25% sul valore del cespite.
Ma soltanto nell’ipotesi di acquisto entro il 31 dicembre, per cui, per dare corso a tutta la pratica, gli assegnatari aventi tiolo all’acquisizione degli appartamenti, in regola con i pagamenti dei canoni di locazione, potranno formalizzare la richiesta di acquisto dell’alloggio entro il 15 novembre e l’istanza dovrà essere corredata da alcuni documenti, indispensabili, come la dichiarazione sostitutiva da presentare su apposito modello predisposto dall’ufficio patrimonio, la dichiarazione di assunzione di tutte le spese inerenti il contratto di compravendita, la designazione del notaio che stipulerà l’atto di compravendita e la perizia giurata sullo stato e le dimensioni dell’unità immobiliare oggetto di compravendita attestante che non sono state apportate modifiche all’immobile.
La vendita di questi immobili, pertanto, fa il paio con quella del complesso di via delle Ortensie, al civico 39, ormai giunto all’ennesimo capitolo. Da diversi anni, infatti, l’amministrazione cerca di vendere l’intero complesso, ma le varie aste sono sempre andate deserte e, così, ogni volta il complesso viene rimesso in vendita ad un prezzo inferiore rispetto al precedente. Questa volta la somma richiesta è pari ad un milione di euro circa e le offerte potranno essere presentate entro le 9.30 del 30 novembre.
Nel piano di alienazione del Comune, inoltre, figurano anche quattordici appartementi in via Carreca 20, per un valore di 642 mila ed 855 euro, un magazzino in piazza Lucatelli (49 mila ed 880 euro), un magazzino di via Libertà (25 mila 545 euro), la scuola elementare in contrada Napola - Mokarta (attualmente concesso in comodato al coro Città di Trapani) per 161 mila 460 euro, un borgo rurale ad Ummari (138 mila e 700 euro), un immobile in via Anchise a Pizzolungo (90 mila euro), un immobile a Fulgatore (47 mila 600 euro) e l’area attrezzata a discarica - impianto di riciclaggio di contrada Belvedere, per un importo di 25 milioni di euro. Nell’elenco, infine, figurano anche alcuni immobili in cui valore di riferimento è ancora da determinarsi, come un borgo rurale al borgo Amerigo Fazio ed un lotto di terreno, con destinazione d’uso a vigneto, ad Alcamo. Gli ultimi beni sono un complesso edilizio ad Ummari, un edificio in via Cassaretto, l’ex mattatoio di via Erice ed il Lazzaretto, inserito nel piano delle alienazioni del patrimonio comunale per cercare di rientrare nei parametri stabiliti ai fini del rispetto del patto di stabilità.
«Il potenziale acquirente — ha precisato l’amministrazione — sarà individuato a seguito della pubblicazione di apposito bando, nel rispetto delle procedure previste dalle norme e con la massima trasparenza».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X