Cadaveri trovati in casa: procura chiede accertamenti al Ris

La Procura di Trapani ha incaricato il Ris di Messina di compiere accertamenti nell'appartamento di corso Vittorio Emanuele dove sabato mattina sono stati trovati, in avanzato stato di decomposizione, i corpi di due pregiudicati trapanesi: Michele Cernigliaro di 41 anni e Giovanni Renda di 35
Trapani, Archivio

TRAPANI. La Procura di Trapani ha incaricato il Ris di Messina di compiere accertamenti nell'appartamento di corso Vittorio Emanuele dove sabato mattina sono stati trovati, in avanzato stato di decomposizione, i corpi di due pregiudicati trapanesi: Michele Cernigliaro di 41 anni e Giovanni Renda di 35.

La pista dell'overdose, infatti, non sembra convincere gli inquirenti che, tuttavia, l'hanno privilegiata sin dalle prime ore. All'interno dell'abitazione non sono state trovate tracce di stupefacenti. Singolare sembra poi la circostanza della morte contemporanea dei due, senza la possibilità di chiedere aiuto. Gli inquirenti - le indagini sono condotte dai carabinieri e
coordinate dal procuratore capo, Marcello Viola - attendono anche gli esiti degli esami tossicologici. Mercoledì, sui corpi, dovrebbe essere eseguita l'autopsia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X