Scorrimento veloce, crollano massi Via ai lavori sul costone a Marsala

Le protezioni metalliche evitano il peggio, pericolo già rimosso. E da oggi il cantiere per mettere in sicurezza tutto il pendio
Trapani, Archivio

MARSALA. Crollano massi dal pendio adiacente allo scorrimento veloce, ma vengono trattenuti dalla rete metallica: effettuato un intervento d’urgenza da parte di vigili del fuoco, polizia municipale e tecnici comunali, da oggi partono i lavori per la sistemazione definitiva del costone che cinge la transitatissima arteria. Per fortuna la maglia metallica posta a protezione della china che si erge ai lati della bretella, che unisce la via Salemi alla rotatoria antistante l’aeroporto di Birgi, ha tenuto, altrimenti sarebbe potuta accadere una tragedia. Si sono infatti distaccati – forse anche a causa delle forti piogge di lunedì notte che hanno provocato anche sbancamenti nella zona della strada provinciale che da via Salemi conduce a Ciavolo – alcuni grossi massi che, se fossero finiti sulla carreggiata, avrebbero indubbiamente creato uno o più incidenti con gravi conseguenze.
A segnalare la caduta dei lastroni di pietra sono stati alcuni passanti che, allarmati, hanno informato i vigili del fuoco. Vista la pericolosità della situazione è stata immediatamente attivata una task force composta da tecnici comunali, vigili del fuoco coordinati dal funzionario Piero Silvano, vigili urbani e forze dell’ordine. Rimosso il pericolo imminente, ossia asportati i massi già caduti, adesso occorre sistemare il pendio in via definitiva per evitare che si verifichino ulteriori distacchi di materia. «I lavori per la definitiva messa in sicurezza del pendio prenderanno il via subito – anticipa il capo dell’ufficio tecnico comunale Luigi Palmeri –. Si tratta di un intervento di manutenzione straordinaria che vedrà impegnata una ditta che si è già aggiudicato un appalto comunale per la realizzazione di diverse opere, molte delle quali già completate, tra cui la sistemazione della rotatoria di via del Fante, per un importo complessivo, già in stato di avanzamento, pari a circa 198 mila euro. L’azienda è la MC Costruzioni di Mussomeli. I lavori si protrarranno per circa cinque giorni e tenteremo di non chiudere la bretella, ma di interrompere il transito solo su una corsia, lasciando il senso unico alternato, con l’apposizione di semafori, per un’area di circa cento metri».
Ma quello affrontato dai tecnici comunali è soltanto uno dei problemi della bretella. Già risolto quello delle infiltrazioni d’acqua (l’anno scorso pioveva dentro la galleria anche per via delle presenza di sorgive in prossimità della strada), rimane sempre da sistemare la galleria che è stata più volte definita tra le più pericolose d’Europa. Qui l’asfalto presenta numerose irregolarità e manca il sistema d’areazione per cui spesso l’aria è irrespirabile e la visibilità carente anche a causa di un impianto di illuminazione che in molti punti non funziona più. Noto a tutti come scorrimento veloce, in realtà non lo è, in quanto all’ingresso della lunga galleria il limite di velocità imposto è di 40 chilometri orari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X