Salemi, premiato il ristorante della Legalità

A realizzare il prelibato piatto Lucia e Anna Maria Bongiorno, le cuoche dell’agriturismo “Al Ciliegio” che sorge in contrada Fiumelungo a Salemi, nelle terre confiscate alla mafia e riportate alla legalità, grazie alla gestione della Fondazione San Vito Onlus di cui è responsabile Padre Francesco Fiorino

SALEMI. Con la ricetta degli “Gnocculi cavati al ragù di salsiccia” l’agriturismo “Al Ciliegio” di Salemi si aggiudica il campionato di cucina contadina, tenutosi venerdì al Salone nazionale dell’agriturismo di Arezzo, in Toscana. A realizzare il prelibato piatto Lucia e Anna Maria Bongiorno, le cuoche dell’agriturismo “Al Ciliegio” che sorge in contrada Fiumelungo a Salemi, nelle terre confiscate alla mafia e riportate alla legalità, grazie alla gestione della Fondazione San Vito Onlus di cui è responsabile Padre Francesco Fiorino. A premiare gli agriturismi in gara una madrina d’eccezione, Miss Italia 2012, ovvero la siciliana Giusy Buscemi. Nell’ambito del Salone nazionale Agrietour di Arezzo, Padre Francesco Fiorino ha presentato il progetto, promosso dalla Fondazione San Vito Onlus, denominato “L’altra Sicilia”, un tour siciliano, e nello specifico nel Trapanese, delle bellezze e dei beni riportati alla legalità. Il tour della legalità dura 5 giorni e 4 notti e prevede tappe a Mazara del Vallo, Marsala, Castelvetrano Selinunte e Salemi. Per informazioni info@fondazionesanvito.it oppure telefonare al 338-2372766.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X