Bimba molestata a Marsala, chiusa la scuola

La decisione del Comune dopo il caso all’istituto Rubino. I bambini verranno trasferiti in altre strutture della zona
Trapani, Cronaca

MARSALA. Dopo l’inchiesta sulle molestie ad una bimba, e l’arresto di bidello e direttrice, è stato sospeso il servizio nell’istituto Rubino di Marsala: i bambini saranno dirottati provvisoriamente in altre strutture della zona. Lo hanno deciso l’amministrazione comunale e il commissario Rosario Asta che dirige l’Ipab. A comunicare la decisione è stata Antonella Genna, assessore al ramo, che ieri pomeriggio ha incontrato i genitori dei venti bambini che ogni pomeriggio si recano nell’Ipab per fare i compiti. «L’assistenza nei confronti dei bimbi – dice l’assessore – non verrà meno. Saranno indirizzati presso altre strutture del territorio a seconda delle esigenze manifestate presso i nostri uffici dai genitori dei minori».
E mentre il commissario Asta ha fatto sapere che ha nominato un legale per avere maggiori informazioni sull’andamento dell’inchiesta, i presunti responsabili di abuso su minore, Giuseppa Signorello e Vincenzo Galfano – già sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari – si sono detti innocenti. A riferirlo è stato il loro avvocato, Stefano Pellegrino: «Le false accuse della ragazza fanno riferimento a fatti ritorsivi da parte dei familiari della minore. Tra l’altro – ha aggiunto Pellegrino – questo genere di comportamenti sarebbero stati posti in essere anche nei confronti di altre persone di conoscenza di Vincenzo Galfano in relazione alle quali il mio assistito riferirà all’autorità giudiziaria. Intanto ho già proposto richiesta di riesame al Tribunale della Libertà di Palermo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X