Riciclava merce taroccata: finanziere condannato

Il maresciallo Ernesto Fiorito deve risarcire 30mila euro alla Guardia di Finanza per danno all'immagine. Accusato anche di peculato militare e corruzione
Trapani, Archivio

PALERMO. La sezione giurisdizionale della Corte dei conti ha condannato il maresciallo Ernesto Fiorito a risarcire 30 mila euro alla guardia di finanza per danno all'immagine. In servizio a Trapani con funzioni di comandante del nucleo mobile, nel 2008 il sottufficiale venne arrestato dagli agenti della squadra mobile di Trapani con l'accusa di riciclaggio, peculato militare, corruzione e rivelazione del segreto d'ufficio. Fiorito, indagato per avere riciclato merce "taroccata" frutto di sequestri eseguiti dai suoi stessi uomini ma anche di aver accettato denaro in cambio di informazioni sui controlli delle fiamme gialle, patteggiò la pena di anni uno e dieci mesi di reclusione, con sentenza del tribunale di Trapani divenuta irrevocabile il 28 luglio 2009.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X